Cercando la giusta Alchimia

La copertina mi ha colpito, come mi colpiscono sempre le agende e le copertine di Coelho disegnate da Catalina Estrada. Immagini colorate che mescolano diverse culture, quella sudamericana e quella europea, creando immagini simmetriche, mondi perfetti, fiabeschi, quasi un fumetto in cui perdersi come Alice nel paese delle meraviglie.
l’ho appena iniziato a leggere, ma come sempre Paulo Coelho entra nell’anima. Ho solo un problema : in questo periodo  di grandi cambiamenti sono piuttosto agitata e tutta per aria, assolutamente deconcentrata nella lettura…quindi so che ci metterò un bel pò a leggerlo e interiorizzarlo, a differenza di altri libri che ho letteralmente bevuto in poche ore. Questo mi dispiace moltissimo.
Anche ora, che sto scrivendo qui, L’Alchimista è aperto sotto i miei occhi, e leggo e rileggo la stessa frase senza assimilarla, assolutamente distratta e lontana dall’alchimia necessaria. e così è successo per tutti gli altri libri che ho comprato e che mi hanno regalato da qualche mese a questa parte.
Ma come ho notato ieri mi rendo conto che sono lontana dal mio essere normale: cucinare, lavorare a maglia e creare piccoli gioielli, leggere e trovare ispirazione….ora sono un’anima in pena chiusa in una stanza.
Passerà, lo so! Ora provo a immergermi per qualche istante nella lettura e ascoltare il mio cuore ” Esso conosce tutte le risposte”.

6 thoughts on “Cercando la giusta Alchimia

  • 02/10/2012 at 10:42
    Permalink

    Quando la mente è troppo "piena" di problemi, dubbi e cattive sensazioni è praticamente impossibile lasciarsi andare al flusso della lettura…cammina, è un ottimo surrogato della meditazione! Per me lo è…ti abbraccio forte!

  • 02/10/2012 at 11:29
    Permalink

    siccome credo sinceramente che esistano dei contatti magici, mentre tu scrivevi, ho preso la macchina fotografica e ho fatto 4 passi intorno a casa perchè sono arrivate le tegole e il cielo si è aperto facendo uscire il dio Sole tra mille nuvoloni e ho scattato qualche foto … solo che ero in pantofole, che se avessi messo una scarpa da ginnastica magari il giro non si riduceva alla circumnavigazione della casa/cantiere. ps. il messaggio del tuo commento mi è arrivato a un quarto del giro, quindi posso affermare esattamente che tu scrivevi mentre prendevo la mia Nikon e uscivo e fatti i primi passi ho scattato la prima foto , che ti dedico ( poi capirai meglio)

  • 03/10/2012 at 11:26
    Permalink

    Uno dei miei libri preferiti di sempre!

  • 03/10/2012 at 13:02
    Permalink

    sono certa che piacerà anche a me, se solo riuscissi a leggerlo…

  • 10/02/2013 at 14:26
    Permalink

    sei riuscita a leggere il libro?

  • 10/02/2013 at 15:48
    Permalink

    a dire il vero, no! non riesco a leggere e concertarmi e lasciare che la lettura mi rapisca. Con nessun libro….

Rispondi