Come una foglia al vento

Così mi sento
e intendo vento nemico
Il vento con cui sono cresciuta ( nel paesello della mia infanzia si abbatteva il famoso eolo del garda – da qui il nome Gardolo – e io impazzivo tra mal di testa e porte che sbattevano e la mamma che urlava di chiuderle) non mi è mai piaciuto
In questi giorni i temporali estivi si abbattono fortemente qui intorno
Sono affascinanti, meravigliosi, se non fosse per il vento.
I nuvoloni neri, che cambiano colore e forma in un battibaleno, i lampi che illuminano il buio più nero con la oro luce blu, la pioggia forte che lava tutto
Ma il vento me li fa diventare antipatici, quando è sopportabile, e paurosi, quando è troppo forte
Fischia tra la impalcature, facendo volare di tutto.
Gioca terrificandomi con l’impudente gru.
Alza turbini di polvere e piccoli detriti entrando in ogni fessura.
Io mi sento portata e sbattuta da questo tipo di vento
Sono impotente
e sconsolata
e non mi piace affatto.
Mi pare di viaggiare in riserva da così troppo tempo, sento arrivare il momento del crollo del motore, se non trovo un punto di rifornimento
Sbatto qui e lì, cercandolo
e l’esaurimento di ogni energia è inevitabile
Come foglia al vento
bramo di posarmi in un angolo di prato per riposare, ma nel momento in cui sembra che qualcosa di buono stia per arrivare, una folata di vento nemico e beffardo mi solleva imprudente e mi fa girare la testa terrorizzandomi, e poi come su una montagna russa mi fa scendere vorticosamente per rialzarmi togliendomi il fiato.
Chiedo solo un pò di pace e un pieno di cose buone…
Magari ora vado a comprarmi un buon gelato al cioccolato con una montagna di panna montata, che forse mi consolo un pò…
alla faccia di dieta e salute, un piccolo godimento

4 thoughts on “Come una foglia al vento

  • luglio 13, 2012 at 16:01
    Permalink

    Mi sembra un'ottima idea, amica mia! Il gelato intendo…
    Ti abbraccio!

  • luglio 13, 2012 at 18:37
    Permalink

    fatto…e chiacchierato con un paio di persone amiche, e un pò più con i piedi per terra mi sento, anche se il cielo è più cupo di come si veste di solito in inverno…uff che giornate….

  • luglio 13, 2012 at 18:46
    Permalink

    Io amo i temporali, ma il vento mi terrorizza, mi rende nervosa e irrequieta come i cavalli!!
    Hai avuto un'ottima idea: un gelato è la migliore cosa:)
    Ciao e buona serata!

Rispondi