IERI, 43

Ieri era il mio 43° compleanno.
Iniziato la giornata che meglio non si potrebbe : colazione con il mio maritozzo, massaggio dall’estetista, parrucchiere per colore e taglio-e sì, mi sono lasciata fare tre colpetti di sole-pranzo con il figliolo maschio prediletto ( due toast e due cocacola che ha offerto gentilmente lui: il ragazzo ha degli ottimi numeri-penso con orgoglio). Poi si prosegue con il trattamento al ginocchio malandato, il caffè di mezzo pomeriggio (eh sì, il tempo vola!!!!) con l’amica Alexia, vado a ritirare i due vassoi di pastine (ottimissime) , porto la piccola all’allenamento, nel mentre faccio la spesa, corro a riprenderla. E poi ARRIVA LA TELEFONATA :” Sai, mi hanno spostato la partita di tennis. Ho brontolato, ho detto che è il tuo compleanno!!!”
E io ( STUPIDA-IDIOTA-CRETINA): ” Ma a che ora dovresti giocare, amore?”
Lui: ” Devo finire un lavoro , penso di riuscire a liberarmi per le 7.” Rapido calcolo : un paio di ore tra partita e doccia, io devo fare una riunione al Centro Giovani, e riprendere un paio di figli sparsi per l’Alto Adige e gli rispondo felicissima ( sul serio, non sto scherzando) : ” Ma vai pure amore, ti raggiungo dopo la riunione, ok?”
Il resto è come da copione , se non che la riunione finisce un pochino più tardi del previsto: 20.20 . Il Centro giovani ha la sede in un padiglione della Scuola di Musica , in pratica in uno scantinato, dove i cellulari non hanno mai (quasi) campo. Esco trafelata e con un sottile e bastardissimo senso di colpa : Lui sta giocando da un’ora e mezza ( quasi ) e gli ho promesso che andavo a vederlo.
Provo a telefonargli: non risponde. Gli mando un sms. Nessuna risposta.
Intanto un paio dei miei figli sono da recuperare, corro veloce come il vento.
Li porto a casa. Poi corro prendere il più grande, che era a Bolzano. Mio marito intanto mi risponde al messaggio : ” Sono al secondo SET, 1 a 0 per me!”
Io rallento, penso. Secondo set? questo avversario deve essere proprio duro se in un’ora e mezza è SOLO al secondo set! Intanto si sono fatte le 21.30. Raggiungiamo il campo insieme al figliolo.
Lo ammiriamo colpire la palla da vero maestro. Vince : 6:3 – 6:4
Sono le 22.30.
Tocca alla doccia. Intanto converso con quei “vecchi” sudtirolesi con la testa sottile (mi scusino gli altri): venti anni che mi conoscono e venti anni che mi chiedono sempre le stesse cose. Cerco di rispondere sempre educatamente e in modo spiritoso, non mi riesce difficile di solito …c’è sempre qualcuno a cui non si piace, è logico, ma devo dire che fatta una doverosa cernita di testedicazzo, sono attorniata da gente meravigliosa, con cui entro in sintonia e mi diverto molto.
Ma quel gruppo di vecchi mi chiedono : ” Perchè non giochi a tennis? Perchè non parli il tedesco? Ma in casa i tuoi figli non parlano il tedesco in casa? ” ecc ecc ecc
E io mi inizio a scocciare! Sempre la stessa lagna! Ma possibile? non li capisco e mi irrigidisco molto con questo tipo di persone, ma , VIVADIO!, è il mio compleanno! Non mi voglio rabbuiare a causa di teste sottili.
Poi arriva il bel maritino, ha fame. Mangia un Bauerntoast, beve un Radler, chiacchieriamo e ridiamo con il figliolo. Tutto ok…
Poi verso le 23.30 torniamo a casa.
Gli viene in mente che dobbiamo guardare le piante del progetto della casa per via di una finestra . “OK!” dico io, E S A U S T A ! E dopo aver parlato e discusso una decina di minuti sulla benedetta finestra, decidiamo che si farà nel modo che dico io (guarda caso le sue idee erano proprio illogiche). Non pago di ciò si sofferma su una parete, su una resega, sul vano della cabina-armadio della nostra stanza e poi deve spostare la parete e la porta delle cucina….. Io gli ripeto, prima gentilmente e poi con fermezza per finire con un bel tono incazzato, che SONO STANCA e E’ IL MIO COMPLEANNO ( ancora per 10 minuti). Mi risponde impettito :” Insomma dobbiamo decidere, domani devo parlare con l’architetto e dirgli quello che vogliamo!!!”
La CATTIVA ERIKA, risvegliata dai vecchi del tennis e da quel crescendo di idiozie e dalla stanchezza di una giornata estremamente piena, esce dalla mia bocca urlando: ” E’ mezzanotte, cazzo!!!!! Sono esausta!!!! E’ la sera del mio compleanno, le pareti si costruiranno forse tra un mese , e dobbiamo decidere stasera????? Se lo devi dire domani, potevi rinunciare la tennis!!!”
Mi risponde che me lo ha chiesto e che ero d’accordo : certo se a mezzanotte non devo decidere delal vita e della morte di quelacuno.
Mi dice candido : ” Ho iniziato a giocare alle 20.10!”
AHHHHHHH ECCO SPIEGATO IL RITARDO!!!! E io mi sentivo in colpa!!!!!
N.B: Non mi ha portato nemmeno un fiorellino di campo, un cioccolatino, un qualsiasi gesto carino!
L’unico regalo fisico ( oltre alla miliardata di auguri e la bella filastrocca dedicatami da Stefano) è stato un toast e una coca per pranzo!
MA VI PARE CHE NON MI POSSA SENTIRE INCAZZATA NERA?????? Con tutto quello che faccio ….porca puzzola odorosa!!!!!
E ieri gli ho comprato il tape per il braccio dolorante, per farlo giocare meglio!
E lui…lui …lui una ceppa di minchia!!!!
AHHHHHHH accidenti!!! Non era così che doveva finire il giorno del mio compleanno!!!!! Merda!!!!!
P.s. : sono le 17.00 del 03.05.2012, e non mi è ancor passata!

6 thoughts on “IERI, 43

  • 03/05/2012 at 15:44
    Permalink

    Buon compleanno…in ritardo ma con il cuore! Adesso capisco un po'…sei un toro…arrabbiati pure e cerca di estorcere festeggiamento anche postumi, una cenetta, un giretto…qualunque cosa! 😉
    Un bacione!

  • 03/05/2012 at 15:49
    Permalink

    Grazie cara! Toro ascendente capricorno ( puoi capire che in quanto a corna e testa dura mi battono in pochi).
    E certo che mi porta fuori, oppure mi organizzo io con una bella serata! Alla facciaccia sua!

  • 03/05/2012 at 20:25
    Permalink

    In ritardo ti faccio i miai auguri e capisco fin troppo bene come ti sei sentita. Sono una che ci tiene molto al compleanno, non chiedo la luna, ma vorrei sentire l'affetto di chi mi circonda.
    Solidarietà sorella 😉

  • 03/05/2012 at 20:32
    Permalink

    Grazie cara! Sto pensando come divertirmi a dagli sentire un perfetto stronzo. Guarda, non è nemmeno il caso dell' importanza del giorno, è proprio quel senso di arrivare sempre dopo tutto e tutti che mi fa impazzire! E il tape per il braccino dolorante gliel'ho comprato io….accidenti….

  • 08/05/2012 at 21:47
    Permalink

    effettivamente spero che si siano fatti perdonare nei giorni successivi!!

    io gli auguri te li faccio ocn un po' di ritardo… li accetti?

  • 09/05/2012 at 6:46
    Permalink

    ciao Federica, certo che mi fa piacere!!! per il resto , meglio sorvolare…

Rispondi