LA DONNA DAL TACCUINO ROSSO- Antoine Laurain

LA DONNA DAL TACCUINO ROSSO- Antoine Laurain

Lo avevo visto il libro, al supermercato. Lo avevo preso in mano. Ma lo avevo lasciato lì. Poi ho chiesto consiglio su quale libro leggere alla mia cara amica, quasi una sorella, tanto le nostre sofferenze si somigliano, ma lontana, troppo per frequentarsi come si deve, Paola Malcotti, e tra i titoli suggeriti c’era proprio quel libro, che avevo visto, preso in mano, letto la trama e poi lasciato lì. L’ho comprato. Non al supermercato, che trovo sia squallido. Ma nemmeno in libreria. Su Amazon. E un po’ mi dispiace. Penso sempre che ora ci sono i vari supporti, in particolare il Kindle. Ma il libro è il libro. Mi dovrò abituare a cambiare. Chiederò a Babbo Natale un Kindle, quest’anno. Mia figlia lo ha e lo usa, mia cognata idem. Altri che conosco lo hanno. Si trovano bene. Dovrò superare il mio pregiudizio e convincermi a non acquistare i libri. Ma non sono sicura di essere pronta. Chi lavora nel settore tipografico…. ci penso spesso, padri e madri di famiglia che andranno a perdere il proprio lavoro. E questo non mi piace affatto. Ma è anche vero che in casa, anche se è più grande e spaziosa, non ho altri spazi per aggiungere libri. Ma come si fa a scegliere di acquistare un e-book senza toccarlo, sfiorare la copertina, soppesarlo, girarlo… Insomma…dovrò lavorarci un po’ su, su questi pregiudizi. Detto questo torno al libro. Sottile, non ha molte pagine, 164 per la precisione. La copertina è piacevole. Una donna con un vestito rosso a pois bianchi, con un viso fresco, uno sguardo curioso, la bocca socchiusa.5928441_334823 Inizio a leggere. Scritto in maniera leggera, quasi fosse la voce interiore di ognuno che ci parla dentro. Capitoli brevi, poco più che fotografie o post su social. Linguaggio fresco. Si fa leggere bene, veloce, incuriosisce. I dialoghi…i dialoghi non hanno le virgolette. Questo può creare un po’ di confusione, ma è il modo dell’autore per intrigrare ancor più il lettore. Un libraio, trova questa borsetta per strada. Cerca di fare del proprio meglio per consegnarla a chi poi , forse, troverà la proprietaria. Ma si rende conto che è un battaglia persa. La porta a casa, con reverenziale rispetto controlla il contenuto. Cerca qualche indizio per sapere chi è la proprietaria, a cui è stata trafugata. Apparentemente non c’è nulla. Inizia così la sua ricerca, che pare arenarsi più volte, ma poi per casi fortunati, le svolte arrivano e la borsa torna a casa. Ci sono però giorni, anzi settimane nel frattempo. C’è la povera donna scippata che finisce in ospedale. C’è un gatto nero a cui dare da mangiare. C’è un appartamento a cui fare sorveglianza. Sempre con reverenziale rispetto, curiosità e qualcosa di più. Perchè in quella borsa color malva c’è un taccuino rosso, dove lei segna i pensieri, le cose belle, le cose brutte, i mi piace e i non mi piace. E il libraio più che curioso si scopre infatuato di un sogno. La donna torna a casa. Sa che uno sconosciuto si è preso cura del gatto, è entrato in casa sua. Ma tutto è a posto. E i timori iniziali diventano curosità, dopo aver trovato un abito, la borsa e una busta chiusa, dove il libraio prova a spiegare la situazione. Anche lei inizia una caccia al tesoro. Anche lei passa dal timore, alla curosità e poi a infatuarsi di un perfetto sconosciuto. C’è l’incontro. Molto romantico, quasi un film. E poi il lieto fine. Mentre uno scrittore decide o meno di mettere una virgola in una frase.

Libri con dedica da scrittori, librerie, librai, arigiane specializzate, e senso del dovere, ma anche profondo rispetto. E un nuovo inizio per entrambi. Bello sul serio. Speranza e sogno. Romaticherie e profumi nascosti. Un bel, anzi bellissimo racconto.

Ve lo consiglio.

 

2 thoughts on “LA DONNA DAL TACCUINO ROSSO- Antoine Laurain

  • 15/09/2016 at 15:51
    Permalink

    Ero alla ricerca di un libro, mi hai convinta, lo acquisterò.
    Anche se lo farò al supermercato… perché ho poco tempo e se trovo lì ciò che mi interessa lo compero…

  • 20/09/2016 at 17:43
    Permalink

    NON TI PENTIRAI!

    buona lettura

Rispondi