ORDINE E PULIZIA

Oggi ho fatto ordine e pulizia.
Ho girato i mobili nel mio studio.
Una fatica immensa.
Ho fatto portare in garage i faldoni vecchi, che mi ricordano brutte cose.
Li eliminerei, ma devo tenerli, ancora un pò.
Non ho scritto.
Ho avuto la necessità di cambiare, di riordinare, quasi di disinfettare, tutto.
Razionalizzare meglio ogni cosa.
Mettere in ordine, buttare via.
Faldoni, raccoglitori.
E i miei libri.
Alcuni li ho presi ma non sono mai riuscita a innamorarmene.
L’alchimia non è nata.
Chissà, forse un giorno li leggerò e mi stupirò di loro e di me stesse.
Ora non è ancora finito, ci sono carte e cartacce sulla scrivania.
Per stasera, o per il momento, non farò più nulla.
Sono troppo stanca, dolorante. Gli occhi si chiudono da soli.
Si tratta di quella stanchezza da stress.
Ho atteso, ho sperato, ho pregato.
Ma piove sempre sul bagnato.
Per ora ho fatto ordine e pulizia qui, intorno a me.
Poi la pulizia e l’ordine si faranno strada anche fuori.
Ma attendo la pulizia e l’ordine anche dentro di me, che è la cosa più importante.
Devo solo avere fede e crederci.
Già, solo crederci e avere fede.
Intanto mi vien da piangere….

Rispondi