Primo piano, primo caffè

19.04.2012

L’embrione, l’abbozzo del piano cantine
20.04.2012

Quanto è cresciuto in un giorno!

23.04.2012
L’abbozzo del garage e delle cantine sta prendendo forma
23.04.2012
Il piano giallo è la base della mia veranda e della 
terrazza davanti alla cucina.
Sotto il piano giallo, si troverà il mio locale lavanderia

26.04.2012
L’abbozzo è già molto più definito

26.04.2012
Questa vista  permette di capire come sarà il  piano cantine e il mio soggiorno sopra di esse.

03.05.2012
il tetto del garage con le gabbie,  fa impressione a vederlo…
03.05.2012

04.05.2012
questo è il garage, completo del tetto, su qui sono già appoggiati ( ma quindi è già duro, mamma!!!! – la mia bambina ) vari attrezzi per lavorare

04.05.2012
questo sarà il pavimento del mio soggiorno e una porzione della terrazza e del balcone.
04.05.2012
Sto immaginando la mia veranda davanti alla cucina, la mia terrazza, il mio soggiorno….
 04.05.2012 ore 17.00
questo è il primo caffè che sono riuscita a offrire ai muratori: ligi al dovere non si sono MAI permessi di fermarsi e accettare un mio invito a bere un caffè o qualsiasi altre cosa. Questa pausa è durata il tempo di bere il caffè ( meno di 3 minuti e mezzo).
Non sto esagerando.
Ho anche promesso che non avrei fatto vedere la foto al grande capo di questo momento di pausa. Credo che il grande capo non lo saprà mai, comunque! Non leggerà mai il mio blog per una serie di motivi che prima o poi saranno chiari anche a me. 
Nell’ordine da sinistra  : Vito, Benito e con il vassoio in mano , Roberto,  il più timido e rispettoso, che non ha voluto berlo il caffè, ma ha mangiato i due biscottini che lo accompagnavano.
Sono bravi, cordiali, laboriosi, e molto molto gentili. Talvolta  li senti brontolare alla maniera più consona e ” normale” per un uomo. Ma più spesso ridono e cantano. Lavorano anche sotto la pioggia battente. Non si fermano mai dal primo giorno. Penso che questa pausa di 3.5 minuti sia più che doverosa. E che onori il loro lavoro e la loro costanza. Sono persone “italiane”, come usano dire qui e Vito è albanese. Non sono Sudtirolesi. Mi piacerebbe che quel TROTA li vedesse lavorare, e finalmente provasse quella giusta vergogna che gli auguro che prima o poi gli fiorisca non solo sul suo viso , ma soprattutto nel suo cervello deviato da idee sbagliate e basate sulla più profonda ignoranza. Quella che semina odio e pregiudizi. 

6 thoughts on “Primo piano, primo caffè

  • maggio 5, 2012 at 7:44
    Permalink

    Ma quanto mi gustano questi reportage!! 😉
    Bello vedere la tua casa che cresce e cambia e belle le riflessioni finali! Buon WE!

  • maggio 5, 2012 at 10:52
    Permalink

    grazie…ma le foto ritraggono ciò che è. Adoro questo posto, adoro il paesaggio e sono innamorata del progetto della mia casa…un sogno si sta realizzando

  • maggio 5, 2012 at 10:53
    Permalink

    grazie Mìgola! è proprio quello che voglio fare: vedere e ricordare l'embrione e poi l'evolversi fino a lavori finiti. E non ci stanno male certe riflessioni; no?

  • maggio 10, 2012 at 14:36
    Permalink

    ed io non vedo l'ora di essere invitata nella tua nuova casa per un caffè! Lucilla

Rispondi