Trilogia

Li ho letti a rovescio

PRIMA : Il giardino delle Pesche e delle Rose
POI: Chocolat
INFINE: Le scarpe rosse
Direi come spesso accade nella mia vita, tutto come “deve avvenire”.
Una trilogia affascinante, come il film con Johnny Depp, visto e rivisto. Ma poi è arrivato il libro, che è ancora più magico. Riesci a appagarti di cioccolata, senza mangiarla. Riesci a sentirne il profumo, assaporarne l’aroma. I colori ti inebriano. I personaggi sono normalmente magici, unici e realmente intriganti.
Li ho letti alla rinfusa, ma me li sono goduti tutti e tre, intervallandoli con altre letture.
Ho aspettato a scrivere perchè volevo il quadro completo. Lascia sempre sperare in una buona fine.
Mi ha fatto piacere persino il vento (poco), che ho incomiciato a osservare, da dove arriva, l’intesità, il suo profumo, la sua temperatura, la sua voce.
Ora inizierò a leggere un altro libro di Joanne Harris, perchè è vero, se non ci fosse, bisognerebbe inventarla.
Chissà che non riesca a riprendere il sogno del mio libro….
INIZIARE DALLA FINE

INIZIARE DALLA FINE

Una tazza di cioccolato caldo, denso, profumato.
Un pizzico di cannella, oppure di peperoncio, o una scorza di arancio. L’anice stellato, o lo zenzero. Ecco cosa fa la differenza. Il massimo è con la panna montata. O forse no.
Il fatto è che mi piace. Punto.
E ho visto il film. E mi è piaciuto tanto. L’ho rivisto decine di volte, e sempre mi piace.
Sarà colpa del cioccolato.Che mi piace tanto tanto.
Sarà che racconta una storia di una donna forte, con una figlia, condita dalla magia, dal vento, dalle storie di tradizioni e novità che si fondono in un quadro della campagna francese.
Sarà per tutto questo. Ma Chocolat è e resta uno dei film che preferisco. Insieme a pochissimi altri.
Ero talmente presa dal film che non sapevo neppure che è tratto da un libro. Chocolat di Joanne Harris. Ma poi ho trovato il terzo libro della trilogia di cui non ero a conoscenza.
IL GIARDINO DELLE PESCHE E DELLE ROSE
e di nuovo di parla di profumi, di marmellata, di magia che si mischia al contrasti di civiltà e culture diverse, che si sovrappongono, si mescolano, si fondono e lei è sempre lei. Donna forte, ma semplice, che arriva la cuore delle persone e con poche azioni sistema le cose, quasi a ripulire una finestra impolverata, che una volta pulita, lascia vedere un paesaggio meraviglioso!
Ecco, inizio dal terzo, ma voglio leggere i primi due.
Forse passando dal secondo al primo. Oppure sarà quel che sarà. Mi lascerò stupire, saranno loro, i libri che mi troveranno, secondo le loro idee.
Ma leggerò, mi incanterò, sognerò, e ….riprenderò a scrivere il mio libro, lo condirò con profumi, lo renderò piacevole come la tazza di cioccolata calda, denso e profumato, con qualche spezia a renderlo più piccante, più corposo, più brillante.

Forse i sogni si destano dal letargo di questo lungo inverno….