SENZA TITOLO- è arrivato Rebuffo, il gatto spettinato

SENZA TITOLO- è arrivato Rebuffo, il gatto spettinato

Non so che titolo mettere a questo post

Sono pensieri che girano e rigirano in testa da un paio di giorni

Sto meglio grazie all’insulina, che ho iniziato a prendere a fine agosto, mi pare il giorno 29.

Sto meglio, quindi tante cose sono MIGLIORI di come le vedevo, le vivevo. Nulla è cambiato, ma il mio stare male annebbiava la mia vista, e la mia mente. Ora connetto di più, e ammetto che le cose sono molto meglio di quanto ammettessi un mese fa. Non ci riuscivo, mica per volontà, ma era la mia condizione.

Mirtilla sta meglio, prende il cortisone, ma sembra che il peggio sia passato. Dal primo settembre abbiamo in casa un gatto in più. Lo chiamo “il piccolo”. Ma ha una serie di nomi : Hope ( pare sia andato pure lui nel Valhalla e tornato indietro) oppure Gingerino ( per le macchie di pelo rossiccio e per la sua sprizzante vivacità) e a me ispira il nome REBUFFO. Per il suo pelo riccio e spettinato.

Come immaginavo ha sconvolto un po’ il nostro menage: un paio di pisciatine sgradite sul piumone, Tontolo che non lo accettava, le nottate a rincorrere giochini rumorosissimi e questa voracità immane che gli fa spazzolare ogni ciotola con rimasuglio di cibo, Ma ora è molto inserito. Soprattutto da quando Mirtilla lo ha preso sotto la sua ala protettiva, anche Paci e Tontolo l’hanno accettato e mangiano tutti e 4 insieme. Ha il musetto con il pelo rosso sui baffi, che gli dona la faccia da delinquente, tipo Banda Bassotti. Ma è adorabile. 

 

 

 

 

 

Detto questo, torno ai pensieri che girano e rigirano. Sì, sto meglio. Sono più tranquilla. Mi pare di sorridere di più, ma poi…quella musichetta, tipo “squalo” : tun tun tun tun… in sottofondo. Per non scordarmi che non posso essere tranquilla. No! Ho paura che arrivano le brutte notizie a portare via quel po’ di serenità, se così la posso chiamare, che sto vivendo in questi giorni. Basta che mio figlio decida di acquistare un’auto e non me lo dica. Basta un parente prepotente che ribadisce la sua potenza. Basta un nonnulla. E torno a pensare di tutto e di più. Max che sta con me solo perchè è semplice. E io che faccio? Perchè non me ne vado? Perchè sono vigliacca. Ecco perchè!

… e via dicendo…

Possibile ? Devo concedermi che tutto sommato io mi merito tutto il meglio! Invece adoro punirmi! Che idiota!

Così non mi concedo le cose che vorrei di più: essere abbracciata. Per esserlo, basterebbe iniziare a abbracciare! per esempio.

Quindi sì…Sono io s dover cambiare. A dover accettare, perdonare, amare me stessa!

Che post palloso…. ma mi andava di scriverlo!

NANKURUNAISA

NANKURUNAISA

Copio e incollo uno stato di un paio di anni fa di un’amica colta, bella, intelligente.
NANKURUNAISA. Credo sia una delle parole più belle del mondo. forse perchè semplicemente è diventata la mia, parola. E’ giapponese e significa “Con il tempo si sistema tutto”. Una più libera interpretazione è “Sopravvivi oggi per l’amore di domani”. Cosa c’è di più giusto? Di più sensato? I problemi possano caderti addosso come macigni, puoi rimanere schiacciata sotto il loro peso..ed è a quel punto, che ognuno di noi dovrebbe urlare con tutto il fiato che ha in gola ” Nankurunaisa”. Stringi i denti, vai avanti. Gli errori, le sofferenze, i torti subiti, sono le cicatrici che devi mostrare con fierezza. Sono ciò che ti hanno permesso di diventare la persona che sei oggi. E poi, ricorda, le cose belle prima o poi capitano a tutti, anche a te.

Anche oggi un tizio mi ha ricordato che tutto quello che deve avvenire, avverrà al momento giusto.
Io che non ho più pazienza.
Io che sono stufa di subire, ma che resto immobile, in attesa che ogni cosa che deve accadere, avverrà.
Ma ora? Suonare un campanello (non metaforicamente, ma proprio come un ragazzino dispettoso, suonare, per vedere l’effetto che fa). Vedere che non cambia nulla.
Constatare che proprio non cambia nulla. Che non serve a nulla camminare, andare avanti, sorridere, cercando di superare l’ostacolo, e magari farlo diventare un pilastro su cui costruire il tuo domani, quello pieno d’amore.
Insomma potrò urlare NANKURUNAISA, ma non credo affatto che le cose cambieranno. Rimarrà il mal di pancia, rimarrà la sfiducia, rimarrà il rammarico di quello che poteva e doveva essere.
Io vivo così, aspettando un miracolo, ma senza crederci.
E il natale è alle porte, il momento più romanticamente magico dell’anno. In casa ho solo le candele, nessuna altra decorazione. Strano.
Sì, strano, io che un tempo mi cimentavo in mille cose nuove, luccicanti, profumate di pino.
Quest’anno l’albero non lo vorrei nemmeno fare.
Sai che fatica, fare e disfare un albero. Per non parlare del costo.
Aspetto un miracolo.
Ma non avverrà.

L’infinito e la rosa

L’ho fatto. Anche se ero molto contraria.  Ma sulle dita, al posto di un anello che non porto, li trovo graziosi.

Sull’anulare sinitro, al posto della fede matrimoniale che tolsi per ripicca qualche anno fa.

Sull’anulare destro, perchè me lo ha chiesto mia figlia: entrambe siamo nate in maggio. Il mese delle rose.

Il pizzichìo era fastidioso e mi ha sorpreso. Ma non impossibile da sopportare. La mano del tatuatore era ferma e regolare, ha disegnato perfettamente i soggetti.

Le mia dita paffute e tozze, non appartengono a mani affascinanti ed eleganti. Ho sempre pensato che gli anelli rendessero ancora più goffe le mie mani. La fede era l’unico anello che mi piaceva. Ma poi lui se l’è tolta con la scusa che gli procurava una fastidiosa sollecitazione dell’articolazione del mignolo. Dopo qualche anno pure io la tolsi. Per vedere se per lui era importante. Per me lo è, lo era. Un segno. Un simbolo.

Che vi devo dire: sono una sciocca romantica. Poi avrei voluto rimetterla, ma il dito si era allargato. Le due fedi le ho unite con un nastrino e lasciate nel cofanetto portagiolielli. Ma a me mancava il simbolo. Il Segno.

Così, dopo aver sentito che una coppia si era tatuata sull’anulare un simbolo, anzichè avere la fede, mi è venuta l’idea di imitarli.

Volevo un simbolo che fosse per sempre. Ribadirlo a me stessa. Prima di tutto.

Ed ecco l’occasione: la Convention in Fiera a Bolzano dei tatuatori. Ci siamo recati insieme. Abbiamo guardato incuriositi, a volte un po’ sorpresi, e in un paio di occasioni, anche inorriditi, i vari stand. E poi capitiamo davanti a un tizio dalla faccia tranquilla e simpatica che stava tatando il dito di una ragazza. “ECCOLO! ” ho detto ad alta voce. Abbiamo preso appuntamento, chiesto il costo.

Dopo un’ora ho iniziato io. Da dito della mano sinistra. Quella del cuore. Da ragazza usavo il simbolo dell’infinito \infty . Questo otto sdraiato, che più lo disegni più lo disegneresti. Ipnotico. Che poi pure l’otto, inteso come cifra 8, ha un perchè affascinante. Simboleggia lo spirito, che sale verso l’alto, verso l’infinito e poi scende verso la terra, e ricarica di energia.

Così l’ho fatto.

E ne vado orgogliosa!

 

infinito

 

 

20151028_110917

 

UNA CASA SUL MARE DEL NORD – Nina George

Mentre sto cercando me stessa, in fondo a quell’abisso in cui mi sono lasciata cadere, scopro cose che non avevo mai saputo o considerato. In questo cammino, in questa risalita dal baratro, mi specchio e comincio a riconoscermi. Gli occhi sono più blu, non sono più velati dal quel grigio che rendava tetro ogni mio sguardo. E nel frattempo leggo. Leggo a perdifiato. Si può dire leggere a perdifiato? Però mi piace quest’espressione. E dopo aver letto “UNA PICCOLA LIBRERIA A PARIGI” , mi sono buttata su questo libro. Il titolo, i colori della copertina, il foulard viola. Tutto mi ha colpito. Ma soprattuto il nome della protagonista. MARIANNE, che poi è uno dei nomi che preferisco.

 

UNA CASA SUL MARE DEL NORD

Marianne ha sessant’anni, porta il bagaglio pesante di una vita infelice ed è decisa a farla finita. Aveva promesso al padre di essere felice. Ma non aveva mantenuto la promessa. Decide di farla finita a Parigi. Ma quando scavalca il parapetto sulla Senna ormai determinata a lasciarsi andare, non immagina cosa la vita le riserverà. Qualcuno la porterà in salvo e, seguendo per la prima volta il suo istinto, Marianne si troverà in Bretagna, in un paesino affacciato sull’oceano dove ritroverà la gioia di vivere, riconoscerà se stessa e l’amore vero.

 

 

 

 

 

 

Li avevo compreati assieme i due libri. Uno parla di rinascita al maschile, il secondo al femminile. Sono complementari. E ciò che mi ha colpito è l’età dei protagonisti. Inconsueta per dei libri che parlano d’amore….
Una casa sul mare del nord è una storia che parla di rinascita, è il lungo risveglio di Marianne che, dopo sessant’anni di torpore, seppellita in un matrimonio di non-amore e in una vita da spettatrice, si trova improvvisamente a vivere, a scegliere, ad assaporare.
E così, quello che sarebbe dovuto essere il suo ultimo atto, l’ultimo viaggio verso il mare nel quale Marianne aveva deciso di lasciarsi morire, si trasformerà in un cammino di rinascita e scoperta. Il marito insensibile e egoista l’abbandona dopo il tentato suicidio in ospedale a Parigi, e lei non perde l’occasione di intraprendere il viaggio verso un paesino della Bretagna. La vita a volte, dopo aver preso, decide di dare ed è proprio quello che succederà a Marianne che imparerà ad ascoltare se stessa e le mille voci della natura. Imparerà a gustare il cibo e ad abbandonarsi al rumore delle onde, si riscoprirà una donna e ricorderà i suoi sogni. Ho ritrovato un po’ me stessa in questo libro scritto con leggerezza, come una fiaba. Nina Goerge racconta magie e leggende antiche eni suoi libri, trsportandoli nell’oggi, con una leggadria inimmaginabile. Un messaggio leggero, molto semplice, di rinascita quasi scontata che però mi assomiglia. E quindi ho amato molto Marianne, e ho tifato per lei, quando si perdeva nelle sue paure, e tornava indietro, in quel mondo che l’aveva bistrattata.
Una lettura leggera, che racconta di amore, di maturità, di possibilità. Una favola….

23.05.1992 – 23.05.2014

“CHI TACE MUORE OGNI VOLTA, CHI PARLA E CAMMINA A TESTA ALTA MUORE UNA VOLTA SOLA”
G. FALCONE


La mafia è un fenomeno
umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà
quindi anche una fine.  
                                                                                           Giovanni Falcone

Era Sabato
Troppo giovane e distante da tutte queste cose serie.
Quello era un periodo di nuove scoperte per me.  Io avevo la mia vita, stavo rifiorendo. Tutto mi andava stretto: il mio ragazzo, il mio lavoro, le mie amicizie… Ero in cerca di altro. Come un bulbo di tulipano io spingevo per uscire dal buio e volevo vedere la luce del sole.
Era un caldo sabato pomeriggio, io avevo spinto verso la luce che cercavo con la spensieratezza della gioventù che mi vestiva bella e mi portava verso l’estate della svolta della mia vita.
Ricordo che la notizia la sentii alla radio. Poi vidi le immagini in tv.  E mi cominciai a tremare nel guardarle. Non so perchè: tutte le cose accadute prima non mi avevano catturato mai, ascoltavo pigramente e pigramente le archiviavo come “cose successe ad altri, in un altro mondo, lontanissime da me”. Ammetto che non capivo fino in fondo. I loro nomi, forse non li avevo mai sentiti prima, facevano parte di tutte quelle notizie ascoltate per caso, pigramente e velocemente cancellate dalla mente e dal cuore. Cominciai a piangere silenziosamente. Sottolineo che non comprendevo pienamente la grandezza dei fatti, delle persone, cosa c’era dietro. Ma in cuor mio CAPIVO quanto fosse grave, quanto tutto sarebbe stato diverso. Piansi spaventata. Intuivo che il mio senso di onnipotenza infantile era sciocco e inutile. Capivo quanto tutto fosse vano, quanto tutto potesse cambiare repentinamente, che i “cattivi” potevano distruggere il futuro del mio paese e il mio avvenire. La luce che cercavo potevo non trovarla mai. Ora, riflettendoci,  credo che la mia coscienza civile si svegliò quel sabato pomeriggio a 1200 km da casa mia. La vita mi presentò le opportunità che cercavo e nel giro di due anni diventai madre. Forse proprio perchè sono madre e sono responsabile dei miei figli e penso al loro futuro, continuo a dare un valore profondo alle azioni, cercando di dare le sementi per un coraggio civile degno e responsabilizzare i ragazzi con una coscienza più attenta della mia . E’ finito il tempo dove far finta di vivere lontano dalle cose, che i fattacci capitano agli altri. Ognuno di noi e quello che ognuno di noi fa è solo una goccia nell’oceano, ma se non facessimo la nostra parte l’oceano avrebbe una goccia in meno, diceva Madre Teresa. Io non posso fare molto, ma seppur poco, io non esiterò a farlo!
L’altra sera sono incappata casualmente nel film che raccontava la storia di RITA ATRIA. Una ragazza di 17 anni, che ha aperto gli occhi. Ha tentato di fare quanto in suo potere. Si è sacrificata per dare luce al suo tentativo di avere un mondo senza mafie.
Ora dico  e ripeterò all’infinito :
NON LI AVETE UCCISI: LE LORO IDEE CAMMINANO SULLE NOSTRE GAMBE.

Paolo Borsellino: discorso in memoria di Falcone

Seminare, Fata Smemorina, seminare

Mi ritrovo alle 18.00 dopo un ennesimo intero giorno dove ho provato a chiamare, riordinare nomi e informazioni, a  organizzare appuntamenti, a progettare incontri e idee, confermare ordini e ascoltare le lamentele dei clienti scontenti cercando di far sembrare tutto più leggero e facile da risolvere, intanto mettere le basi dei nuovi progetti. Mi pare di non combinare un tubo di niente! Semino con cura, ma poi arriva la tempesta, spazza via tutto, spezza i germogli, oppure arriva la siccità, che secca le piantine e poco o niente si salva. Quello che sopravvive alle avversità è certo forte, ma deforme e non darà frutti, se non dopo molto tempo. Nel frattempo, come dice il proverbio con tono sarcastico: ” una è morta, ad aspettare!”
Leggo libri, uno in particolare , sebbene sia un libretto da spiaggia, nulla di che, mi ha toccato, perchè la protagonista è molto simile a me. Corre, impazzita di qui e di lì, viene più volte beffata dal destino e dalle circostanze, è malata di Facebook, di agende elettroniche, e sogna. Le pare che la sua vita sia comunque perfetta, e prende una sbandata per uno “sconosciuto” che le fa un’intervista online, salvo poi scoprire che è il proprio marito che vedendosi smarrito e vendendola smarrirsi nei vicoli ciechi di una vita inesorabilmente sorda e insensibile, escogita un gioco pericolosetto, ma che porta al solito “e vissero tutti felici e contenti”.
Ecco… Io mi sento così… Sto perdendo da tanto tempo pezzi di me che non so più dove sono finiti, o a cosa mi servivano, non riconosco il perchè di certe scelte, sento solo la sensazione di vuoto che hanno lasciato. La crisi interiore che crea ogni vuoto lasciato dai pezzi persi, dimenticati, sogni accantonati, speranze vane, rancori nati dalle migliori delle intenzioni e delle idee, discussioni tanto inutili quanto dolorose, è profonda e buia. Eppure c’è un qualcosa che mi fa andare avanti, ogni volta. In questo momento però c’è un non so che che fa la differenza. Sarà l’età, saranno le troppe illusioni sciolte come la neve al sole, sarà che dopo un pò veramente non ci credi più, ma ora a ogni sogno/progetto/pensiero fatto in questo momento li guardo con diffidenza, quasi con astio. Perché se anche uno di questi progetti andranno a scemare, se anche uno di questi pensieri troverà un muro di gomma su cui rimbalzare e volare via nel vuoto assoluto dell’universo, se dovrò riconoscere che ciò che ho pensato si rivela inutile…beh se così sarà io voglio essere preparata, con il giusto cinismo, con il distacco amaro di chi se lo aspettava, di chi sa che i sogni son desideri, ma che i desideri sono e rimangono solo sogni e i sogni a volte non si avverano, checché ne dica la brava e buona Cenerentola! 
Io ho chiesto, ho pregato, ho messo tutta la mia fede, ora tocca a Chi di dovere….poi ringrazierò! Tanto ho visto che dire grazie a vuoto, poco vale e ti impoverisci, alla fine! Ti svuoti, arrivi esausta, e non hai nemmeno più voglia di vivere da tanta stanchezza e dolore hai accumulato. Quindi sarò parsimoniosa. Starò ad aspettare, valuterò i risultati, e ringrazierò solo e se ne varrà la pena. Tanto la sopravvivenza, oramai è il mio stile di vita. Non tanto la sopravvivenza economica, ma quella del sentimento buono, della gioia di vivere, del bene, dell’amore, della pace fraterna. Tanto lo dice pure Smemorina, la fata buona di Cenerentola: “anche i miracoli richiedono del tempo”. Quindi aspetto…

Intanto mettiamoci pure un pò di Ho’oponopono
nel frattempo, che male non fa! 
Male non fa…. 

un consiglio….forse inutile. Un ‘Opportunità da cogliere, forse

Un consiglio , forse inutile: 
Non fermarti quando
sei stanco, fermati quando sei arrivato in fondo…..!!!!!

Letto poco fa su Facebook, sulla bacheca di Lorenzo Bernardi.

certo…l’istinto di sopravvivenza, ti farà andare avanti, fino in fondo…
ma io sono veramente stanca…tanto tanto tanto tanto stanca

e non vedo il fondo, oltre ad essere tanto stanca

ho letto un libro divertente, la protagonista era un 44enne.
il marito, che non la guardava e non la cercava più, che perde il lavoro
il suo, di lavoro, che è precario
i figli adolescenti che ne combinano tante 
amiche che sostengono e spronano, anche duramente
e un sacco di similitudini con la mia vita ( e quella di molte altre donne) 
il lato divertente è il modo in cui è scritto, sempre con un sottile senso dell’ironia di fondo, sempre con la consapevolezza che che quello che stava accadendo era forte, ma che una soluzione c’è e la certezza che, nonostante la crisi di coppia, guardandosi negli occhi i due si sarebbero riconosciuti e ritrovati.
Un libro da spiaggia, letto in breve tempo, nei ritagli di tempo. 
L’ho terminato domenica pomeriggio e come spesso accade  chiudo l’ultima pagina e mi chiedo ” e adesso? come faccio?”
Sono andata in stanza e ho preso un libro che mi è stato regalato da una gran donna , amica di Fb. Parla di città, di racconti,incontri, amori aneddoti legati alle città. Ma io non amo viaggiare.
io ho bisogno di radici
e come ho sempre sostenuto queste radici, non le sento, sono troppo deboli
Mi viene suggerito nuovamente di CREDERE che tutto si sistemerà

io non ho questa certezza, e questi sono giorni di pianto, di nodi in gola, di parole strozzate dalla paura, dal terrore, che tutto finirà male
meglio lasciare messaggi o non dire altro
meglio evitare
in fin dei conti ho imparato da lui, proprio quello da cui aspetto un abbraccio, un sostegno, un segno, un cenno, una mano allungata per aiutarti a fare il passo successivo, a scappare  a essere sfuggente, a non dare risposte, a far finta di non aver sentito o capito

Ieri ci è stata fatta proposta, data un’ opportunità. Io ho chiesto cosa ne pensava, ha mugugnato qualcosa che non ho ben capito, appena finito di bere l’aperitivo con la coppia che ci ha sottoposto la loro idea. Ho paura che il mio umore pessimo, le mie preoccupazioni, mi abbiano fatto sembrare quella che non sono, chiudendo la porta sul progetto. Ma vi garantisco che avevo solo voglia di piangere….
Più tardi,a casa, lui ha chiesto a me cosa ne pensassi. Io ho fatto finta di non aver sentito e sono andata a dormire, sperando di essere raggiunta da lui e abbracciata e rassicurata.
Così non è stato
Così non mi resta che continuare ad andare avanti, passo dopo passo e arrivare in fino fondo. Se poi sarò sola o no…questo al momento non mi è dato di saperlo….no…