Un giorno a casa

Sono rimasta tutto il giorno a casa. Senza lavarmi. Senza pettinarmi. Senza truccarmi.
Ho lavorato. Un po’ per noi. Un po’ per me. Poi è arrivato il pranzo.
La casa si è riempita un po’.
E di nuovo sono rimasta sola.
Non ho fatto altro che assaporarmi un piccolo, ma intenso temporale, nel primo pomeriggio. Ha rinfrescato quel giusto per mettermi al sole senza boccheggiare, ma assaporando i suoi raggi sulla mia pelle, mentre leggevo il libro che mi ha prestato mia cognata.
L’ho visto parecchie volte in libreria. Ho visto, ma non letto, le varie recensioni.
Non lo volevo leggere. Pensavo che parlasse di qualcosa di troppo triste. Mia cognata mi ha detto che leggero non è, ma si legge volentieri. Così è.
Che libro è? Lo dirò solo alla fine.
Mi sono goduta questa giornata che è uguale a tante vissute in passato. Sola.
Mi chiedo se certe cose siano un segnale. Ho bisogno di evacuare una grna brutta storia. E forse devo restare sola un po’ con me stessa. Per svuotarmi. Soprattutto la testa.
Ritmi lenti. Poche cose da DOVER fare. Il resto può aspettare.
Forse così mi svuoto la testa.
O forse è merito della pioggia. La pioggia benedetta, in quest’estate particolamente torrida. La pioggia che lava via tutto. La pioggia che disseta. La pioggia che bagna la terra.
Forse sì… non so.
So solo che oggi sono piuttosto serena. Ho preso appuntamento con chi potrà aiutarmi.
Ho trovato quel documento che dovevamo inviare da tempo all’assicurazione.
Ho fatto il minimo indispensabile.
Il resto può aspettare.
Io non posso rimandare me stessa ancora. Io devo tornare al centro.
Se il mio centro comprenderà anche il perdono, bene.
Altrimenti io prenedrò le mie decisioni. Ma con calma.
Certo.
Con la calma di un giovedì di fine luglio, caldo ma non eccessivo.

4 thoughts on “Un giorno a casa

  • 24/07/2015 at 12:59
    Permalink

    Spero che presto ritrovi la tua via, che sia bellissima e piena di sole 🙂

  • 24/07/2015 at 14:08
    Permalink

    forza Erica ce la farai a superare questo momento!!!!!!!! forza forza forza!!!!!! Ti abbraccio Lory

  • 27/07/2015 at 15:00
    Permalink

    ogni giorno è meglio. Un pochino meglio. Ma chi viene tradita, ha bisogno di tempo.
    Per tutto

    Grazie per il sostegno!

  • 27/07/2015 at 15:01
    Permalink

    Noi donne ce la facciamo sempre. L’ho provato su me stessa parecchie volte. Ho visto accadere cose a donne che pensavo che nessuno potesse sopportare e invece sono rimate. Confido in questo e ammetto che ogni giorno è meglio.

    grazie di tutto!

Rispondi